Parassiti e malattie

Ci sono pochi parassiti dannosi: cocciniglie, acari e tripidi. Si può dire che gli ibridi di Euphorbia milii non necessitano di trattamenti antiparassitari, ovviamente, prevenire è meglio che curare, allora possiamo trattarla 2 volte l'anno, inizio primavera e fine estate.

 

Le larve dei Lepidotteri potrebbero causare danni alle foglie e ai fiori, ma fortunatamente è facile individuarle ed è possibile rimuoverle anche a mano. Infatti è possibile capire se stanno deponendo uova che risultano essere di aspetto granulare. Bisogna quindi cercare ed eliminare il primo "colonizzatore" prima che si sviluppi una vera  e propria epidemia.

Tra i parassiti più difficili ci sono le cocciniglie che possono presentarsi durante tutta la fase di crescita attaccando foglie, fiori e radici. Se la vostra pianta risulta infestata potete decidere di rimuovere tutti i fiori(se non avete intenzione di utilizzare pesticidi) poiché perderanno la loro fonte di sopravvivenza.


Anche i piccoli coleotteri, in particolare quello chiamato Maggiolino d'oro a causa della sua particolare pigmentazione, possono causare danni se pur di lieve entità se non presente in gran numero. Questi coleotteri si nutrono dello strato cellulare più tenero delle giovani foglie e fiori ed è per questo che talvolta è difficile individuarli poiché non lasciano un vero e proprio "buco". Tendono a saltare fuori quando disturbati, ma con un po' di pratica possono essere catturati e schiacciati. Se presenti in gran numero, l'aiuto di pesticidi è indispensabile per salvare la nostra Euphorbia. E 'importante utilizzare un getto fine a distanza in modo che una nebbia cada delicatamente sulla piante e sui coleotteri saranno. Il getto nebulizzante è indispensabile per non disturbare gli insetti che potrebbero saltare fuori e non essere colpiti.

L' Euphorbia sembrerebbe un alimento improbabile per le lumache, a causa del loro lattice caustico e le loro spine  pungenti. Tuttavia, a volte è possibile ritrovare danni dovuti dalle lumache: la prova che il danno sia dovuto a lumache è la presenza di una scia argentea che queste si lasciano alle spalle.

Gli ibridi compatti, ovvero quelli più ramificati, sono quelli maggiormente attaccati, perché hanno più zone umide al loro interno. E' possibile ritrovare lumache anche al di sotto del vasoche possono essere rimosse con maggiore facilità


 Il danno maggiore si verifica quando il terreno e le foglie cadute sono continuamente umidi.  Infatti, bisogna sempre togliere le foglie ingiallite e il fogliame morto che talvolta resta intrappolato sulle spine. Questi eventi potrebbero favorire lo sviluppo di malattie poiché intrappolano umidità.  Le malattie includono macchie batteriche o fungine sulle foglie.